MATE ha ottenuto lo scorso mese di giugno un prestigioso riconoscimento: l’accreditamento internazionale ISO/IEC 17025 per le prove di vibrazione e shock.

MATE, azienda del gruppo ART, è cresciuta molto negli ultimi quattro anni.

Lo sa bene il suo responsabile Stefano Marchetti, che ha contribuito in maniera determinante all’affermazione di questa “piccola grande” eccellenza nata tra l’Umbria e la Toscana. Un laboratorio che si distingue, oltre che per le conoscenze tecniche, anche per la capacità di problem solving, l’organizzazione e l’ordine, tutte qualità essenziali nel campo dei test e delle prove tecniche.

A coronare la crescita del laboratorio, Accredia – l’Ente Italiano di Accreditamento – lo ha accreditato come Laboratorio di Prova ISO/IEC 17025:2017 per le prove di vibrazione e shock, permettendo di offrire una garanzia di qualità gestionale, di accuratezza dei valori forniti dai test e di affidabilità per i propri clienti, anche a livello internazionale. Nello specifico, l’accreditamento deve assicurare che l’incertezza di misura propria del laboratorio per quella determinata prova sia contenuta entro i valori richiesti dal metodo di prova. Ad esempio, per MATE, il 10% sul valore di accelerazione.

Ma gli esami, si sa, non finiscono mai! Fra sei mesi Accredia effettuerà una nuova verifica. Ora in MATE si sta valutando come rafforzare la struttura dedicata a queste attività, mentre il numero delle prove certificate sarà ulteriormente ampliato: già l’anno prossimo è atteso l’accreditamento per le prove climatiche.

MATE diviene così un punto complementare per la verticalizzazione di ART e cioè un laboratorio prove accreditato al servizio dei propri clienti soprattutto in due mercati, come quelli automotive ed aereospaziale, dove queste certificazioni sono determinanti per il riconoscimento di un lavoro di alta qualità.